Villa Obizza  

Main Menu
Home
La Fondazione
FinalitÓ
Statuto
Organi
Soci fondatori
Soci sostenitori
Le azioni
News
Links
Cerca
Fotogallery
Contatti
Web by Tecnobiz di Giovanni Tatangelo
Home arrow News arrow Rassegna Stampa arrow Crema on line 12 ottobre 2007
Crema on line 12 ottobre 2007 PDF Print E-mail
Ricengo-Bottaiano - Lunedì prossimo per tutta la giornata diventerà un set fotografico.

Villa Obizza, appena diventata patrimonio di una fondazione a suo nome nata per salvarla e valorizzarla, comincia bene il suo cammino verso la rinascita puntando a quel che subito può dare in termini estetici: il suo giardino e l’esedra, cioè la parte antistante della stupenda dimora settecentesca veneta a Bottaiano sono già utilizzabili e – ovviamente – molto belli. «Abbiamo deciso sin dagli inizi di ampliare i nostri orizzonti» racconta Elisa Foglia, la quale oltre alla Fondazione si occupa di progettazione culturale a Milano, «così abbiamo contattato tutte le riviste, non soltanto di settore, e abbiamo cercato di far conoscere la villa e la sua storia il più possibile; provando a immaginare come si potesse inserire in diversi contesti». E il risultato è arrivato: una troupe della notissima rivista di fashion e lifestyle «Vanity Fair» utilizzerà Villa Obizza per un servizio di living (arredamento, oggettistica: generalmente viene pubblicato nelle ultime pagine nella sezione design) firmato dalla giornalista Valeria Saltari. «Conosco la giornalista e la redazione di Vanity per lavoro» aggiunge la Foglia, «perciò non è stato difficile metterli a conoscenza delle potenzialità del luogo, e della sua inusuale architettura». Esiste sulla Terra forse una bella signora, bisognosa di restauro, che non si tirerebbe su il morale con un bel servizio fotografico..?
SCARICA L'ARTICOLO IN PDF
 
< Prev

Villa Obizza