Villa Obizza  

Main Menu
Home
La Fondazione
FinalitÓ
Statuto
Organi
Soci fondatori
Soci sostenitori
Le azioni
News
Links
Cerca
Fotogallery
Contatti
Web by Tecnobiz di Giovanni Tatangelo
Home arrow News arrow Rassegna Stampa arrow Mecenate 19 giugno 2007
Mecenate 19 giugno 2007 PDF Print E-mail

RICENGO (Cr). Una Villa Veneta in Lombardia - Villa Obizza.


Villa Obizza di Bottaiano, piccolo borgo nel omune di Ricengo (Cremona), è l’unico sempio di grande dimora storica lombarda ealizzata secondo i canoni e gli stili rchitettonici delle famose ville venete. Voluta a Giò Matteo Obizzi, consigliere della città di rema, alla fine del 1600 la villa venne erminata nel 1702 come risulta da due epigrafi oste sull’edificio. Un secolo più tardi ominciava un progressivo abbandono e, se ell’area della villa continuava l’attività agricola, ’edificio adibito a residenza divenne deposito per le derrate, anche se nel 1912 venne osta sotto vincolo artistico.Passata di mano da un proprietario all’altro questo
monumento, già inserito peraltro fin dal 1996 nell’Elenco del Patrimonio mondiale dell’Umanità dell’UNESCO, rischia, per un persistente stato di degrado e di abbandono
che perdura da oltre quindici anni, di crollare se non si interviene con un restauro di
consolidamento strutturale. n’azione di restauro che deve prevedere, già una successiva azione di gestione, di romozione e di fruizione al fine di poter dialogare con il territorio e con i suoi attori. d agendo proprio in un’ottica di pianificazione culturale, dove lo sviluppo del territorio iene attuato anche attraverso un bene di natura culturale, questa villa potrà essere alvata e riutilizzata in un’ottica di condivisione di strategie e obiettivi. Alla fine del 2005 viene costituito, dopo una serie di incontri preparatori realizzati per sensibilizzare l’opinione pubblica, l’Associazione Amici di Villa Obizza. L’Associazione, nel febbraio 2006, riesce a fare siglare un protocollo d’intesa tra la soprintendenza per i Beni Culturali (Arch. Luca Rinaldi) e la provincia di Cremona,inserendo la Villa negli otto edifici in emergenza da mettere al più presto in sicurezza. Nel luglio 2006 la Provincia di Cremona firma con la dproprietà della Villa una ichiarazione d’intenti per l’acquisto entro sei mesi.
Ad oggi, individuato il tipo di soggetto giuridico, che dovrà diventare proprietario della
Villa, viene costituita una Fondazione in partecipazione tra pubblico e privato.
Alla Fondazione aderiscono, oltre alla Provincia di Cremona e al Comune di Crema e al
comune di Ricengo, altri dieci Comuni limitrofi e una quindicina fra aziende e privati,
una sinergia tra pubblico e aziende in un’ottica di cultura d’impresa. Insieme si
adoperano per raccogliere i 190 mila euro necessari all’acquisto.
La Villa sarà acquistata e il Ministero parteciperà con un finanziamento di 270 mila
euro per la messa in sicurezza, che non avrebbe potuto essere elargito se la villa fosse
rimasta in mano privata. E’ stata decretata dalla Soprintendenza l’immediata
cantierabilità dell’edificio, ed i lavori di recupero partiranno a settembre.
Le leggende popolari hanno da sempre tramandato la storia della Villa Obizza, ora,
nonostante l’incuria degli uomini, la memoria e le tradizioni del passato, combattono
contro l’oblio e rivivono ogni qualvolta ci si ferma ad ammirare la maestà di una villa
veneta nella semplicità della campagna cremasca.

 

SCARICA L'ARTICOLO IN PDF 

 
< Prev   Next >

Villa Obizza